• anzianiincasa.it@gmail.com

Oleandro

Nome della pianta: OLEANDRO (Nerium Oleander)
Famiglia: Apocinace
Aspetto:
arbusto sempreverde, che può raggiungere i 5 m di altezza, con foglie lanceolate e fiori che variano dal bianco al giallo e dal rosa al rosso
Habitat: luoghi umidi, lungo le riviere marittime

Sostanza: glicosidi cardioattivi (oleandrina o folinerina)

Parte nociva: foglie (0,05% di glicoside)
Azione/Apparato cardiovascolare – Apparato digerente – Cute/mucose  

Sintomi per contatto:

  • eritema
  • prurito

Sintomi per ingestione:

  • vomito
  • diarrea
  • aritmia
  • ipotensione
  • disidratazione
  • midriasi
  • aritmia
  • arresto cardiaco

 

Vie di introduzione: Cutanea – Digerente   

Proprietà farmacologiche: diminuzione della frequenza cardiaca, aumento della forza sistolica e della diuresi. Ha proprietà di accumulo.

Nota: possono rivelarsi tossici alimenti grigliati su fuoco di legno di oleandro. 
Sono stati segnalati casi di morte per arresto cardiaco in animali che si erano alimentati 
con la pianta, e casi di avvelenamento con miele prodotto con il nettare dei fiori

 

Alla famiglia delle Apocinacee appartiene anche l’Oleandro giallo (Thevetia neriifolia), arbusto originario delle zone subtropicali, le cui foglie ricordano quelle dell’ oleandro, contenente glicosidi cardioattivi, dai frutti con semi velenosi la cui polpa applicata dagli indigeni sui denti cariati ne provoca la caduta, pur se con infiammazioni locali.

 

ti può interessare:

Il pericolo nascosto nel verde degli ambienti domestici

 

Informazioni estrapolate dalle schede illustrative: Le piante ornamentali /Pericolo misconosciuto per la salute
ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO
Dipartimento di MEDICINA DEL LAVORO

anzianiincasa*22 dicembre 2019

Total Page Visits: 246 - Today Page Visits: 1