• anzianiincasa.it@gmail.com

Agrifoglio

Nome della pianta: AGRIFOGLIO (Ilex aquifolium)
Famiglia: Aquifoliacee
Altri nomi:
Leccio o Alloro spinoso

Aspetto: arbusto o albero perenne, che può raggiungere i dieci metri di altezza, dalla corteccia liscia, grigiastra, con foglie sempreverdi ovalate, lucide, a margine ondulato o dentellato, sulle cui dentellature sono presenti spine, fiori bianchi e frutti bacchiformi rossi.


Habitat: boschi montani o submontani, in particolare di castagni e querce.
Sostanza tossica: glucoside cardioattivo (ilicina), polifenoli
Parte nociva: bacche e foglie

Azione:

  • Apparato cardiovascolare   
  • Apparato digerente  

Sintomi/per ingestione:

  • nausea
  • vomito
  • diarrea
  • crampi addominali
  • disidratazione
Dose: 
letale per il bambino l'ingestione di 20 bacche


Vie di introduzione

  • Digerente  

Proprietà farmacologiche: il decorro di corteccia è febbrifugo e antireumatico, i frutti sono utilizzati come catartici

Nota: con la parte interna della corteccia pestata e macerata in acqua si prepara una sostanza vischiosa per la cattura degli uccelli. L’agrifoglio oggi è tra le specie  vegetali protette. Unitamente al pungitopo, alla poinsettia e al vischio, costituiscono piante di augurio natalizio.

L’Ilex paraguariensis, appartenete alla stessa famiglia, fornisce la bevanda tradizionale argentina – mate – contenente caffeina

 

ti può interessare:

Il pericolo nascosto nel verde degli ambienti domestici

 

Informazioni estrapolate dalle schede illustrative: Le piante ornamentali /Pericolo misconosciuto per la salute
ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO
Dipartimento di MEDICINA DEL LAVORO

 

Anzianiincasa*22 dicembre 2019 

 

 

 

 

Total Page Visits: 40 - Today Page Visits: 1