• anzianiincasa.it@gmail.com

Rosmarino

Olio essenziale di Rosmarino

Il Rosmarino appartiene alla famiglia delle Labiate ed è un arbusto a foglie sempreverdi che allo stato spontaneo cresce nelle zone rivierasche del bacino del Mediterraneo. L’olio essenziale viene ottenuto tramite distillazione in corrente di vapore dei rametti giovani.

 

 

Proprietà

  • L’ olio essenziale di Rosmarino può essere utile nella regolazione dell’eccesso di sebo laddove questo abbia comportato la formazione di foruncoli o acne; si possono utilizzare due gocce non diluite oppure alcune gocce diluite in olio. In caso di capelli grassi e formazione di forfora può essere aggiunto al normale shampoo, massaggiando a lungo il cuoio capelluto
  • E’ stato utilizzato con successo anche nella lotta contro i pidocchi
  • Per la capacità di stimolare il microcircolo viene favorevolmente impiegato – miscelato con altri oli vegetali – per il trattamento degli inestetismi dovuti alla cellulite
  • In virtù del suo altissimo contenuto in antiossidanti è un toccasana anche per la pelle del viso e del decolleté, a cui conferisce freschezza, elasticità e luminosità
  • Per le sue proprietà calmanti e antinfiammatorie è efficace nel ridurre le infiammazioni causate da artrite, reumatismi o emorroidi
  • Si può impiegare come antalgico per leggere frizioni e per unzioni direttamente sulla parte dolente in caso di sciatalgia (dolore lungo il nervo sciatico), lombalgia sacrale (colpo della strega), torcicollo, dolori intercostali, ecchimosi e in ogni altra manifestazione dolorosa
  • Erba d’elezione per il massaggio sportivo grazie al suo potere stimolante e risolvente
  • Grazie al suo grande potere antisettico e antibiotico, può essere usato per trattare piccole ferite, tagli o abrasioni: oltre a favorire la cicatrizzazione eviterà la contaminazione della ferita da parte dei microorganismi e faciliterà la rigenerazione cellulare
  • Astenia, tristezza, apatia, perdita della fiducia in se stessi, stati di esaurimento per difficoltà a recuperare dopo periodi di stress possono trarre beneficio da alcune gocce di Olio essenziale di Rosmarino, da utilizzare nell’acqua per un bagno aromatico o da posizionare ai polsi che poi devono essere strofinati tra loro e in seguito avvicinati al naso così da poterne inalare l’aroma
  • molto usato in tricologia per la sua capacità di stimolare la crescita dei capelli e rivitalizzare il cuoio capelluto

Consigli d’uso e associazioni sinergiche

  • Può essere applicato sul cuoio capelluto per migliorare la crescita dei capelli: 3-4 gocce pure o diluite in un po’ di alcool dopo lo shampoo, massaggiare il cuoio capelluto e procedere all’acconciatura
  • per il trattamento cosmetico della cellulite diluire 3-4 gocce di Rosmarino + 3-4 gocce di Cipresso in una dose generosa di Olio di Iperico o di Arnica o di Crema Drenante alla Salvia e Betulla e massaggiare a lungo, con movimenti circolari
  • 10 gocce disciolte in un bagno caldo rappresentano un trattamento utile in persone affette da dolori reumatici e muscolari
  • 5-6 gocce in una dose di Unguento all’Arnica o Olio di iperico per risolvere dolori come lombalgia, sciatalgia, torcicollo
  • massaggio sportivo: 5-6 gocce di essenza diluite in un cucchiaio di Olio di Iperico e una dose di Unguento all’Arnica, massaggiando l’articolazione o il muscolo interessato dopo un bagno caldo
  • 2-3 gocce nella dose di Unguento alla Salvia per trattare tagli o ferite infette 
  • diluire alcune gocce in un pediluvio caldo è utile nel caso della sgradevole sensazione persistente di piedi freddi
  • diffuso nell’ambiente, ad esempio 6 gocce nel diffusore, o 20 gocce nel bagno caldo è indicato nel trattamento di affezioni delle vie respiratorie
  • massaggiando le tempie con due gocce di Olio essenziale di Rosmarino puro viene favorita la concentrazione e l’attenzione
  • poche gocce sul fazzoletto possono permettere il recupero di energie perse e contrastare la diminuzione della libido nel sesso femminile

    Note e avvertenze

  • Dato che stimola il sistema nervoso, l’olio di Rosmarino non deve essere usato da chi soffre di ipertensione o epilessia

  • Deve essere evitato, inoltre, da donne incinte (tradizionalmente veniva usato per indurre il parto)

  • Se non è correttamente diluito può causare irritazione della pelle, prurito, bruciore e infiammazione

 

Informazioni fornite da  
Istituto Ecologico Edelweiss
 

393total visits,1visits today

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com